« Torna agli articoli

Sant’Antinio Abate

17 Gennaio 2021 | Filippo Infosini

Lo sapevi che…

Il 17 Gennaio ricorre la festa di Sant’Antonio Abate, che a Milano

è noto anche come Sant Antoni del porscell.

Tra le tante malattie un tempo in circolazione, il “fuoco di Sant’Antonio” (l’herpes zoster che conosciamo anche noi) ci andava giù duro. Per curarlo esisteva uno speciale unguento, a base di grasso di maiale, fornito da certi frati dell’ordine di Sant’Antonio Abate,

che dimoravano nei pressi della contrada che da essi prenderà nome.

Dalla Francia, questi religiosi fin dal ’200 si erano trasferiti da noi, andando ad abitare quel vasto brolo che si stendeva fra Santo Stefano

e San Nazaro e che, per essere alquanto fuori mano, vide il fiorire dei primi ospedali cittadini. Tra questi ne esisteva uno che era divenuto famoso proprio per la cura del “sacro fuoco” e ben presto gli Antoniani ne avevano ottenuto la direzione. Per incrementare la produzione

di quel grasso curativo, avevano subito iniziato ad allevarvi maiali

su vasta scala, contrassegnandoli con una grande lettera T impressa

a fuoco (che forse voleva simboleggiare la stampella sulla quale si reggevano i colpiti dal morbo).I porci di Sant’Antonio godevano di speciali privilegi, primo fra tutti quello di poter liberamente scorrazzare per la città. Tutte le volte che qualche infelice segnato dal “fuoco” bussava alla porta degli Antoniani,

il frate beccaio, dopo aver scannato il maiale di turno, ne cavava

il grasso che faceva al caso, mettendo il resto da parte, a vantaggio

dei confratelli che ne ricavavano poi prosciutti e cotechini.

Al sostentamento dei suini provvedeva di buon grado la pubblica carità, incoraggiata dagli stessi monaci che, ai più generosi fra i cittadini,

non esitavano a concedere ogni sorta d’indulgenze.

Dove precisamente si trovasse il famoso Hospitale Porcorum

le cronache non dicono: certo non lontano dal luogo dove ora sorge

la sontuosa chiesa di Sant’Antonio, riedificata a metà del ’600,

quando da gran tempo ormai la cura degli affetti dal “fuoco

di Sant’Antonio” era stata rilevata dalla Cà Granda e gli Antoniani,

dal canto loro, avevano fatto ritorno in Francia.

+Copia link